In offerta!

Alfredo Panzini, Io cerco moglie

13,50 

Category:

Ci sono libri che hanno vissuto stagioni di gloria ma che non hanno saputo rendersi indimenticabili. E ce ne sono altri che da subito sono stati riposti nello scaffale meno accessibile della libreria. Ma nessun libro merita l’oblio, né quelli che hanno conosciuto la fama del “best seller” né quelli che le classifiche non l’hanno neppure conosciute: sono tutti testimoni di un tempo. di un pensiero, di un emozione.

  • Autore: Alfredo Panzini
  • Collana: Libri strani / La Tipografica varesina
  • Anno: 2023
  • EAN: 9780047876031

1 disponibili

Ci sono libri che hanno vissuto stagioni di gloria ma che non hanno saputo rendersi indimenticabili. E ce ne sono altri che da subito sono stati riposti nello scaffale meno accessibile della libreria. Ma nessun libro merita l’oblio, né quelli che hanno conosciuto la fama del “best seller” né quelli che le classifiche non l’hanno neppure conosciute: sono tutti testimoni di un tempo. di un pensiero, di un emozione. Possono essere ancora guardati con curiosita o ammirazione… talvolta proprio perché non si erano uniformati alle mode letterarie del loro tempo. ‘Libri Strani” ha voluto sottrarre queste pagine al lavoro dei tarli e riproporle, nella convinzione che valga la pena di leggerle ancora oggi (o di rileggerle in questa nuova e inedita versione rispolverata”).

Alfredo Panzini

Alfredo Panzini (Senigallia 1863 – Roma 1939). Laureato a Bologna con Giosue Carducci è stato per quarant’anni professore di sinnasio. Il suo stile ironico e colloquiale deriva dalla sua formazione carducciana, dall’amore per i classici e per la letteratura dell’Ottocento. I suoi primi lavori sono opere di saggistica e traduzioni: nel 1893 arriva il suo primo libro di narrativa Il libro dei morti). Tra i compilatori del Dizionario Modemo edito da Hoepli nel 1905), nel 1925 aderisce al Manifesto degli intellettuali fascisti. Nel 1929 viene nominato Accademico d’Italia, quando la carniera e ai massimi livelli, i suoi critti vengono tradotti in molte lingue e la trasposizione teatrale di lo cerco moglie (1920) va in scena a Parigi.