Livelli di vita – Malattia e letteratura

“DIALOGO
-A: Ero malato? Sono guarito?
E chi è stato il mio dottore?
Come ho dimenticato tutto!
-B: Solo adesso ti credo guarito:
perché è sano chi dimenticò”

[F. Nietzsche, La Gaia Scienza]

Mercoledì 29 maggio 2024 h 19.00 ospitiamo con molto piacere Francesco Varanini, antropologo per formazione, giornalista e docente universitario (Informatica Umanistica presso l’Università di Pisa), presidente di Assoetica autore del famoso e ormai introvabile Viaggio letterario in America Latina e di molti altri testi sulla contaminazione tra l’approccio tecnico e quello umanistico del lavoro e della comunicazione (cura di sé, etica del lavoro).

La serata condotta insieme a Stefano Pérez Tonella, ci porterà a riflettere sul tema della malattia nella letteratura, in un dialogo fitto di suggestioni e riflessioni “in punta di pagina” (tra Mann, Rulfo, Kafka, Svevo e molti altri), per toccare temi quali la percezione di sé e del corpo quale territorio di trasformazione, così come della coscienza “aumentata” dall’esperienza del dolore fisico, del senso di salute come interezza/integrità im/possibile.


Mercoledì 29 maggio h 19:00 Francesco Varanini sarà alla Libreria degli Asinelli per dialogare con Stéfano Pérez Tonella sul tema della malattia e del dolore in Letteratura. Francesco Varanini ha recentemente pubblicato un articolo su «Goya e le mostruosità della ragione»: come ha cambiato, la malattia, la visione dell’artista? 

Qui la presentazione della serata sul sito di Francesco Varanini [link] e sul sito della Libreria degli Asinelli [link]

Prenotate la vostra presenza, per discutere di grande letteratura, dolore, temi esistenziali. La serata è pensata come una chiacchierata tra i due conduttori. Come sempre, gli spunti di riflessione e lettura offrono al pubblico la possibilità di partecipare, porre domande, partecipare attivamente.   

Ingresso libero. Gradita la prenotazione.


Francesco Varanini ha dedicato molti dei suoi studi recenti a ripensare il rapporto umano con le tecnologie. Il 24 maggio è uscito il suo ultimo libro: «Splendori e miserie delle Intelligenze Artificiali» (Guerini). 

Al termine della serata sarà riservato un momento anche alla presentazione del lavoro più recente di Francesco Varanini: Splendori e miserie delle intelligenze artificiali (Guerini, 2024), non così lontano dal tema della serata, dal momento che la riflessione verte su quanto l’essere umano oggi sia disposto a “cedere” parte della propria integrità al lavoro delle macchine.

Prenotazione gradita, ingresso gratuito. Per chi lo gradisce al termine dell’evento aperitivo nel piccolo “Wise Donkey Bistrot” interno alla libreria.